Idee anticrisi

Credo di sapere come fare per limitare la crisi economica italiana. E' sicuramente un'idea stupida, una di quelle che possono venire solamente ad un comune cittadino italiano e non a chi può e deve decidere per tutti noi. Non è un'idea di destra, di sinistra o di destra, è un'idea. Per tutti noi valgono certe regole, per lavorare e per andare in pensione.

Per contrastare la crisi vengono allungati i tempi per andare in pensione, e contemporaneamente gli importi dei pensionati diminuiscono. Bisogna lavorare fino a 60 anni, 65 anni, 70 anni e poi sperare di godersi pochi soldi. Non c'è nessun lavoro che consenta di andare in pensione dopo 30 mesi di lavoro. Ah, no mi sono sbagliato, uno c'è: il parlamentare. Si perchè ormai tutti sanno che per mautare il diritto alla pensione basta rimanere per 30 mesi in parlamento ed avere diritto al vitalizio. Nello stesso tempo però si matura anche la pensione per la professione che si svolge prima dell'elezione e così se ne avranno due. Ad oggi vi sono circa 2.300 ex parlamentari che percepiscono il vitalizio ed oltre mille vitalizi vengono erogati ad eredi, la cd pensione di reversibilità. Gli importi percepiti variano da circa €.3000 a circa 10.000 mensili. Se calcoliamo, certo per difetto, un vitalizio di €.5000 a testa, moltiplicato per 3300 circa otteniamo €.16.500.000 che per un anno equivale a €.198.000.000. A questi potremmo aggiungere anche i vari benefit (autostrade, treni, aerei gratis ed altro) cifra che non conteggio perchè non la conosco.
Oltre a ciò si potrebbe risparmiare in un altro settore. Se io apro un'attività nessuno mi darà dei soldi ogni anno per andare avanti. Ai giornali si. Non credo che sia giusto dare denaro a testate giornalistiche, importanti o meno, che comunque di denaro ne hanno da vendere, altrimenti come potrebbero buttare centinaia di migliaia di euro per acquistare le foto di una qualsiasi subrette che bacia uno sconosciuto. Così nell'anno 2006 sono state erogate sovvenzioni per circa 157.000.000 di euro mentre nel 2008 ne sono stati erogati 261.000.000 circa.
Se sommiamo i 198 milioni delle pensioni parlamentari e i 157 milioni erogati nel 2006 ai giornali (così mi tengo basso), raggiungiamo la cifra di 356 milioni di euro all'anno risparmiati.
Altro risparmio, ben maggiore, potrebbe arrivare dal non acquisto dei famosi 35 velivoli militari, per cui è prevista una spesa di ben 14 miliardi di Euro. Mica male.
Il Governo sta anche pensando, a quanto pare, ad un condono edilizio. Su questo punto mi permetto di dire che va prestata molta attenzione. È molto pericoloso dare l’idea che si possono commettere abusi sapendo che prima o poi verranno sanati. Sull’edilizia bisogna esercitare una vigilanza accurata e reale, per evitare disastri come quello che abbiamo vissuto a L’Aquila, magari è meglio spendere qualche soldo in più per dei controlli seri che avere un introito dai condoni
Ed altre cose si potrebbero fare per risparmiare denaro pubblico (Vedi legge Mancia, opere pubbliche mai concluse, lotta all'evasione fiscale), e far in modo che nuovi giovani vengano assunti e permettere a chi ha lavorato una vita di godersi una pensione dignitosa.

Ti è piaciuto questo articolo? Ti è stato utile? Allora perchè non farlo leggere anche ad altre persone? Usa i pulsanti qui sotto per condividerlo. E perchè perdere i nuovi articoli? Iscriviti ai miei feed e li riceverai in anteprima.

Nessun commento:

Posta un commento

i post più visti

Accordi Sottovoce

Translate