Terremoto in Abruzzo: che previsione

Passano i giorni, gli anni, i decenni, i secoli, ma a volte sembra che in realtà la vita sia sempre la stessa. Così se ascoltiamo i telegiornali di dieci o venti anni fa, anni così diversi dai nostri, ci accorgiamo che in realtà, anche se nomi e luoghi cambiano, le notizie sono sempre le stesse. Vi sembra possibile che una persona, per quanto autorevole e piena di cultura, abbia potuto descrivere così bene ciò che è accaduto dopo il terremoto di L’Aquila? Si che può di rete, ma non sapete di chi sto parlando. Leggete allora questo brano tratto da “Uscita di Scurezza”, scritto da Ignazio Silone e pubblicato nel 1965: queste si che sono previsioni, oppure l’Italia non cambia mai. 

Nel 1915 un violento terremoto aveva distrutto buona parte del nostro circondario e in trenta secondi ucciso circa trentamila persone. Quel che più mi sorprese fu di osservare con quanta naturalezza i paesani accettassero la tremenda catastrofe. In una contrada come la nostra, in cui tante ingiustizie rimanevano impunite, la frequenza dei terremoti appariva un fatto talmente plausibile da non richiedere ulteriori spiegazioni. C'era anzi da stupirsi che i terremoti non capitassero più spesso. Nel terremoto morivano infatti ricchi e poveri, istruiti e analfabeti, autorità e sudditi. Nel terremoto la natura realizzava quello che la legge a parole prometteva e nei fatti non manteneva: l'uguaglianza. Uguaglianza effimera.

Passata la paura, la disgrazia collettiva si trasformava in occasione di più larghe ingiustizie.

Non è dunque da stupire se quello che avvenne dopo il terremoto, e cioè la ricostruzione edilizia per opera dello Stato, a causa del modo come fu effettuata, dei numerosi brogli frodi furti camorre truffe malversazioni d'ogni specie cui diede luogo, apparve alla povera gente una calamità assai più penosa del cataclisma naturale. A quel tempo risale l'origine della convinzione popolare che, se l'umanità una buona volta dovrà rimetterci la pelle, non sarà in un terremoto o in una guerra, ma in un dopo-terremoto o in un dopo-guerra”.

Che ne pensate? 

Ti è piaciuto questo articolo? Ti è stato utile? Allora perchè non farlo leggere anche ad altre persone? Usa i pulsanti qui sotto per condividerlo. E perchè perdere i nuovi articoli? Iscriviti ai miei feed e li riceverai in anteprima.

Nessun commento:

Posta un commento

i post più visti

Accordi Sottovoce

Translate